UNA VERGOGNA PER LA TUA GENERAZIONE

Mia Nonna è stata una cuoca professionista.

Ma di quelle che LEVATE. Cioè di quelle che metteva in piedi un Ricevimento per 65 persone, allestiva il giardino pronto per essere pubblicato su Relais & Châteaux e trovava comunque il tempo di farsi un Martini e inamidare i colletti delle camicie di mio nonno. Tra tripudi di Crostacei, Tartufi e Salse Francesi sono cresciuto con dei gusti, diciamo, importanti in fatto di cibo. Ho assaggiato prima un’Ostrica che un Tramezzino, lo giuro.

La Pompa Magna però, non sempre è produttiva, specie de ‘sti tempi, specie co la crisi, specie quando c’hai 3 minuti a disposizione per fare tutto quello che devi fare oltre lavorare. Ci sono cose, però, secondo me, che si DEVONO sapere riguardo la tradizione. Cose semplici, niente di pazzesco, qualcosa che ti salvi da essere considerato la Vergogna della tua Generazione. M’è stato ripetuto diverse volte, lo ammetto. Però mi posso difendere.

– Leggo una cifra.

– Mi interesso di molte cose.

– Mi sento socialmente stabile, un individuo quasi collocato all’interno della società.

– Non sono un mio coetaneo disagiato qualsiasi.

– I The Pills mi fanno VOMITARE. Rendetevi conto ragazzi, si, ce l’ho proprio co voi, tre ‘zammammeri’  (pron. zaa-mmmmàà-mmmé-ree) disadattati, persi, scarsamente alfabetizzati. Cosa state cercando di rappresentare? Uno status? Un gruppo di persone? Gli studenti fuori sede a Roma? .. AOH.. NUN C’ANNATE ALL’UNIVERSITA’… EDDAJE!

– Io so fare la Pasta Frolla ad occhi chiusi.

CROSTATA

Ingredienti:

300g di Farina 00

150g di Burro

100g Zucchero Semolato

3 Tuorli d’Uovo

La Scorza di un Limone Grattugiata

PREPARAZIONE

Visto che le cose non le sapete, sappiatele allora! In una grande ciotola FREDDA (si, è essenziale che sia fredda. Quando a 10 anni ho detto a mia nonna che avrei voluto fare il pasticcere lei mi ha risposto che non sarebbe mai accaduto perché ho le mani troppo calde, inadatte a lavorare gli impasti con il Burro. Quindi si, risparmiatevi un trauma infantile, la temperatura conta.).. In questa benedetta ciotola fredda lavorate i Tuorli d’Uovo con lo Zucchero. Daje de gomito, ma a faje male! La risultante deve essere una crema bianca e spumosa che avrà, come minimo, raddoppiato il suo volume. Tirate fuori il Burro dal Frigorifero, tagliatelo in piccoli pezzi ed unitelo al composto montato. Grattugiate la Scorza di un Limone preferibilmente non trattato ed aggiungete la Farina a pioggia. Iniziate a lavorare l’impasto con la punta delle dita pizzicando gli ingredienti tra di loro come una suonatrice d’Arpa epilettica. Compattate velocemente con entrambe le mani, avvolgete in un foglio di pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per 15 minuti. In 15 minuti io riesco a bere 8 Martini, quindi mi porto avanti col lavoro. Tiriamo fuori l’Impasto dal frigorifero, ne rimuoviamo una parte che ci servirà per le strisce e lo stendiamo in una tortiera bordata. Aggiungiamo la Marmellata, formiamo delle strisce e le disponiamo sopra cercando di non sembrare imprecisi come dei Tossici in via di Recupero.

Inforniamo a 180°C per 30 minuti e diamo un bello schiaffo morale (ma anche fisico, volendo) a chi non vi rappresenta, alla vostra generazione di stanchi e di stufi. A tutti quelli che non si interessano di niente, neanche delle cose buone.Image

  1. ossignore….ma te non mi puoi rispondere così perchè poi sì che mi vien da ridere….ecco le meringhe so un dramma!!!! a quanto lo metti il forno per non creare dei carboncini???? ho sentito tante teorie tipo, fare riscaldare per bene bene il forno poi spegnerlo e mettere le meringhe a cuocere…non son certa però

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...