GRATIN DAUPHINOIS 2.0

Suvvia non si può sempre esser gioviali
soprattutto in questo periodo stagionale grigio in cui l’unica certezza è il vestirsi a strati come le cipolle.
Capita.
Quelle anziane signore che scivolano e vengono investite da un camion,quei cani che saltano per prendere il frisbee e cadono giù dal balcone,i peruviani che si vestono come i tokio hotel…no certe cose non ci fanno ridere in questo periodo.
Sarà il tempo? Sarà stò buco d’azzoto…può darsi.
Manca anche la voglia di cucinare a volte, sconfini così in quei purgatori culinari tipici dei single chiamati PASTI PRECOTTI,li fissi mentre girano su stessi all’interno del microonde e nel frattempo ti interroghi sul futuro ponderando il botox o una gang bang interracial.
Sovente ricevi inviti a cena,un’amica francese che ti vuole far assaggiare un piatto tipico delle sue terre
Avvolta in un completino Céline e circondata da porcellane di Fornasetti ella ti presenta il gratin dauphinois
Assaggiandolo senti un gusto delicato per palati molto fini.
La guerriera Sailor della cucina che è in te improvvisamente risorge,un fuoco pervade le tue membra,un suono distante di Bling Bling risveglia i tuoi sensi e sotto lo spirito guida della Dello Russo ti alzi in piedi,batti i pugni sulla tavola ed esclami
“LESSON NUMBER 11: YOU NEED A SUGNA SHOWER!”

Image

La ricetta originale prevede solo l’uso del latte e dell’emmental,ma noi di DHP avendo accettato Satana e La Sugna come divinità assolute abbiam deciso di pimpare la ricetta originale.

GRATIN DAUPHINOIS 2.0
pimp it baby pimp it real good

INGREDIENTI:
-5 patate medie/grandi
-300 ml di latte
-200 ml di panna da cucina
-50 gr di Gorgonzola dolce
-50 gr di Emmenthal
-50 gr di Brie
-50 gr di parmigiano
-burro q.b
-sale q.b

PREPARAZIONE:

-Lavate accuratamente le patate pensando “povera sciocca francesina ti faccio vedere io ora come si cucina e ti rispedisco sui monti con Annette”
sbucciatele e tagliatele a fettine SOTTILISSIME (ovviamente aiutatevi con l’apposito strumento da cucina) il segreto della ricetta,o meglio la buon riuscita è proprio legata alla sottile dimensione delle patate (che non si cuoceranno mai se son tagliate spesse)

-tagliate tutti i formaggi a cubetti (c’è sempre della malattia mentale in questa pratica non trovate?)

-imburrate una teglia ovale (ovale fà fico,rettangolare fà cheap) e disponete lo strato di patate a PESCE (ovvero sovrapponendole leggermente) finito il primo strato mettete un pizzico di sale e del gorgonzola

-alternate i vari formaggi per ogni strato fino all’esaurimento delle fette di patate. (consiglio di salare il primo,il mediano e l’ultimo strato)

-arrivati all’ultimo strato fermatevi,accendetevi una sigaretta,bruciate il cd de “la vie en rose” e mettete in play “this love” dei Pantera.
Su queste dolci note  amalgamate latte e panna insieme in una ciotola, versate il contenuto fino al riempimento di 2/3 della teglia (non superare i 2/3 altrimenti gonfiandosi in cottura vi rovinerà il tutto)

-nell’ultimo strato aggiungete abbondante parmigiano e alcuni fiocchetti di burro (che daranno quel tocco dorato alla cottura)

-infornate a 180° per circa 50 minuti (dipende dalla potenza del forno,se è ventilato o meno…cmq il latte bollirà cuocendo le patate e l’ultimo strato si dovrà dorare,se non siete convinti della cottura provate con il tradizionale metodo dello stuzzicadenti per constatare la consistenza delle patate)

-sfornate,guardate il risultato e stampatevi un ghigno sul volto. Il nostro consiglio è di farlo raffreddare un paio d’ore e di riscaldarlo leggermente prima di servirlo
(leggermente mi raccomando)

-tornate a casa della vostra amica francese,fategli assaggiare questo GRATIN dauphinois e ditegli “io i uaglion li facc divertì nun cumm a ttì ca ci vindi a troca”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...